LEGA AMBIENTE pubblica il Dossier – l’Idroelettrico – Impatti e nuove sfide al tempo dei cambiamenti climatici

Egregi Federati, in allegato potete scaricare un importantissimo documento che la Direzione di LEGA-AMBIENTE ha elaborato e divulgato in ambito nazionale vertente l'implementazione di nuove CENTRALI IDROELETTRICHE e che potrà avere riflessi impattanti anche sulle future ISTRUTTORIE atte a fornire i disciplinari dei RINNOVI per CONCESSIONI Idroelettriche giunte alla loro naturale SCADENZA.
Si evince che la alterazione delle portate naturali nei tre bacini OGLIO-TAGLIAMENTO e PIAVE che ci ha già portato ad una PROCEDURA di INFRAZIONE in Commissione EUROPEA ha avuto forti riflessi negativi per tutto l'Idroelettrico nazionale.
Ci impegnamo da anni su questo fronte per evitare il ripetersi di tali situazioni , ma dobbiamo purtroppo evincere che si sta assistendo ad un proliferare di richieste di NUOVE DERIVAZIONI che non sempre risultano compatibili con una attenta gestione del delicato sistema ecologico e biologico nei tratti di fiumi e torrenti interessati alle nuove derivazioni.
A questo punto dopo 22 anni di attività, dovremo prendere una posizione TECNICA su tali nuovi PROGETTI molto chiara ed incisiva, in quanto la situazione venutasi a creare non risulta OTTIMALE per il nostro settore lavorativo.
Il recente appello formulato da Sindaci ed Associazioni Ambientalistiche in Provincia di BELLUNO risulta essere la PROVA più LAMPANTE e come Presidente, (a titolo personale), lo ritengo in parte CONDIVISIBILE e forniremo una nostra relazione che sarà inviata ai soggetti interessati operanti in Provincia di Belluno.
Con tali proiezioni, cari e stimati Colleghi Produttori, al momento in cui dovremo richiedere il RINNOVO delle nostre DERIVAZIONI potemmo incorrere in LIMITAZIONI di portate derivabili che metteranno a RISCHIO il proseguimento della attività delle CENTRALI oggetto di RINNOVO CONCESSIORIO.
Buona lettura e... MEDITAZIONE...
Flavio Sarasino

LegaAmbiente idroelettrico_e_mutamenti_climatici_2017

Nessun commento ancora

Lascia un commento

E' necessario essere Accesso effettuato per pubblicare un commento