๐——๐˜‚๐—ฒ ๐—ฐ๐—ผ๐—ป๐˜€๐—ถ๐—ฑ๐—ฒ๐—ฟ๐—ฎ๐˜‡๐—ถ๐—ผ๐—ป๐—ถ ๐˜€๐˜‚ ๐—น๐—ผ๐—ด๐—ถ๐˜€๐˜๐—ถ๐—ฐ๐—ฎ, ๐˜๐—ฟ๐—ฎ๐˜€๐—ฝ๐—ผ๐—ฟ๐˜๐—ผ ๐—ฒ๐—ฑ ๐—ฒ๐—ฐ๐—ผ๐—ป๐—ผ๐—บ๐—ถ๐—ฎ ๐—ฐ๐—ถ๐—ฟ๐—ฐ๐—ผ๐—น๐—ฎ๐—ฟ๐—ฒ

Un paio di settimane fa, come Federidroelettrica, eravamo a Milano, in fiera, al Logistic Village, interessantissima iniziativa giunta alla seconda edizione e voluta dalla Federazione Italiana Autotrasportatori Professionali in collaborazione con le riviste Logistica&Trasporti e Parts Truck. Logistica come sistema circolatorio del โ€œcuoreโ€ industriale, logistica come milioni di chilometri macinati ogni anno dal trasporto su gomma e, per ora, ancora in gran parte legato alla motorizzazione termica, ma anche logistica come piattaforma incredibile per sperimentare nuove frontiere di economia circolare, sostenibile, adeguata alle mutazioni indispensabili del tempo. E non si tratta solo di registrare lโ€™assoluto dominio dei nuovi mezzi elettrici โ€“ dai giganti a sedici ruote fino agli ultra provati โ€œmulettiโ€ giunti alla decima generazione โ€“ o la scelta indiscutibile di aziende che privilegiano piattaforme logistiche e di trasporto che adottano solo mezzi elettrici; si tratta di riflettere come, allโ€™interno di una economia che deve essere sempre piรน circolare possano entrare le piรน diverse componenti fra cui, perchรฉ no? Anche il mini-Hydro. Dunque partecipando ai workshop della giornata di sabato abbiamo potuto ascoltare analisi e riflessioni sulla fine dellโ€™economia del petrolio โ€“ argomento da prima pagina ancor piรน oggi per le note vicende di guerra nelle quali siamo immersi โ€“ cosรฌ come relazioni inerenti alla neutralitร  climatica. La sintesi che ci sentiamo di proporre, e sulla quale dobbiamo riflettere e agire come settore che vuole valorizzare e rilanciare il mini-hydro, puรฒ essere solo una: creativitร  e ricerca tese a trovare soluzioni in cui le nostre tecnologie possono gestire o al minimo coadiuvare la produzione e lโ€™utilizzo di energia rinnovabile. E allora perchรฉ non pensare ai nostri sistemi come fulcri di una rete di aree di ricarica per i grandi vettori elettrici di trasporto su ruote, oppure allo sviluppo e alla evoluzione di micro unitร  per la produzione dโ€™idrogeno verde? Insomma dobbiamo uscire da una logica di retroguardia e di difesa di un piccolo sistema per guardare avanti: creare e progettare un nuovo ruolo per il mini-hydro entro i confini di una economia sempre piรน circolare. Il mondo della logistica e del trasporto puรฒ essere una delle aree dove poter trovare spunti e occasioni per costruire il futuro.
Luca Boschetto
Direttore Generale Federidroelettrica

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*